AUDI A3 TEST (2020): GUIDA LA NUOVA A3

La nuova Audi A3 non sarà rivelata completamente fino all’inizio di marzo alla fiera di Ginevra 2020. Nel frattempo, il marchio con gli anelli ha organizzato un incontro discreto, fuori dalla vista, per un giro con un prototipo A3. Ecco le nostre impressioni.

Quando arrivammo al punto d’incontro, persi nel mezzo dell’Atlantico, i prototipi mimetizzati della futura Audi A3 non riuscirono a nascondere la loro vera identità per molto tempo. Tra lo scarico quadruplo, la registrazione con lettere evocative e lo scudo prima di qualsiasi cosa carnivora, abbiamo rapidamente rilevato il potenziale sportivo di queste poche copie. In realtà, è la futura Audi S3 che apre le porte al suo interno, che non possiamo dirti molto altro. Abbiamo provato a chiedere conferma e … chi non dice una parola acconsente.

Se questa nuova S … scusa, A3, ci viene presentata in una versione visibilmente modificata, ci basterà iniziare i primi chilometri per non avere dubbi, è soprattutto che prendiamo la misura del progresso dinamica raggiunta su questa nuova versione. Ricordiamo che questa Audi A3 di quarta generazione si basa sulla piattaforma MQB Evo già utilizzata dalla nuova Volkswagen Golf 8 e che sarà ampiamente elettrificata con le versioni eTFSI (ibrido leggero a 48V) e TFSI e (ibrido ricaricabile).

Ma a Ingolstadt, gli ingegneri domestici hanno lavorato duramente per rivedere l’agilità del loro nuovo bambino. Il telaio è raffinato e il lavoro viene svolto attorno a quattro assi principali: un sistema quattro evoluto, ora sterzo progressivo, una sospensione adattiva pilotata, il tutto gestito da una raffinata Audi Drive Select. Quindi un intero programma. Motore.

Alla guida del prototipo Audi A3 2020

Non vedrai nulla dall’interno perché l’Audi impone un embargo fino alla rivelazione dell’auto all’inizio di marzo. Tuttavia, non ti sveleremo alcun segreto quando ti diremo che l’atmosfera è aggiornata con Audi, con alcune nuove sottili caratteristiche. Pazienza … Anche per quanto riguarda lo spazio a bordo, non dovremmo aspettarci alcuna rivoluzione. Le prime svolte della ruota sono fatte su una strada che costeggia la costa meridionale di Sao Miguel (l’isola più grande dell’arcipelago delle Azzorre). Il rivestimento liscio e le linee rette intervallate da ampie curve ci consentono di goderci il comfort di marcia. Anche se alcune imperfezioni nell’asfalto ci ricordano i generosi supporti pneumatici da 19 pollici della nostra auto sportiva … Sì, la parola è finita!

Lo sterzo offre la giusta consistenza per un percorso sereno e il ronzio del motore fa ben sperare per la salute del ferro. I chilometri sono sparsi e l’ingegnere di casa che mi accompagna svela gli obiettivi di queste nuove installazioni. Molto rapidamente, la discussione ruotava attorno al piacere di guida promesso da questo nuovo A3. Visibilmente impaziente di mostrarci il risultato del suo lavoro, ci stiamo dirigendo a nord e la regione dei vulcani, generatori di queste isole. E le Azzorre hanno dimostrato di essere una grande giustizia della pace per valutare le capacità dei tedeschi. Curve di serraggio, pif-paf, pendenze, spille, rivestimento irregolare come desiderato … tutto cosparso di tempo variabile per apprezzare la presa – eccellente – della macchina.

Nuova Audi S3 310 CV

Guidando il selettore in modalità dinamica e il pesante piede destro sul pedale dell’acceleratore, l’ago sale a turno. I miei amici hanno lasciato andare le mie labbra che è davvero il familiare turbo a benzina 2.0 2.0 a quattro cilindri che sviluppa qui 310 CV. Fino ad allora, niente di nuovo sotto il sole. Il paesaggio passa rapidamente. Alla prima curva, la frenata è rassicurante e l’ingresso diretto nella curva non richiede alcuna regolazione. La gestione progressiva quindi fa il suo lavoro. Se abbiamo conosciuto più loquaci, anche non trattiene le informazioni. Un buon punto per questo tipo di sterzo, di solito sensazione molto artificiale. Di volta in volta, al tedesco non manca mai il respiro, aiutato da una trasmissione S tronic sempre nel tempo. La fiducia è quasi immediata e, nonostante un ritmo crescente, la discussione a bordo continua il suo corso.

A proposito, la persona di contatto è Gunnar Schultz, responsabile dello sviluppo delle sospensioni. Una posizione strategica al crocevia di lavori su sterzo, marcia e pneumatici. “Il vecchio A3 non era particolarmente sottosterzo, ma volevamo andare ancora oltre per aumentare l’agilità”. In effetti, è necessario mostrare un sacro ottimismo per saturare questo front-end piuttosto soggetto agli ordini. Su queste strade risciacquate dal clima locale, il sistema quattro ha anche dimostrato di essere pieno di buona volontà. Apparendo qui in una versione ottimizzata (compattezza, reattività, coppia restituita alla parte posteriore fino al 100%), viene anche utilizzato per l’agilità. Il suo sistema XDS gli consente comunque di frenare le ruote interne in curva e quindi di sopprimere il minimo avvio del sottosterzo. Efficace, ma a volte sorprendente nei suoi interventi. Per quanto riguarda le capacità motorie, non è mai stato criticato, anche durante un recupero prematuro del gas. Questo A3 non strappa mai dagli angoli e riacquista rapidamente la sua stabilità per attaccare il successivo.

In breve, un’efficienza maledettamente controllata che dobbiamo anche alla nuova sospensione idraulica adattativa. “Con questa nuova sospensione, il nostro obiettivo era massimizzare la versatilità. Abbiamo aumentato la gamma di regolazione per renderla più morbida quando necessario e meglio mantenuta quando il guidatore vuole divertirsi. E con la modalità Individuale, può anche essere un’auto à la carte ”. Difficile usare un aggettivo del genere per parlare della comodità di questa versione, il tedesco non è mai fragile, nonostante le gomme dattiloscritte. E durante le fasi attaccate in modo speciale da rally, lo smorzamento rigoroso è stato rapido per inibire qualsiasi movimento verticale eccessivo. Cosa affrontare con sicurezza un rivestimento ammaccato.

Rapporto di prova Audi A3 di quarta generazione

Senza rivoluzionare gli standard, la nuova Audi A3 ha rielaborato le sue posture sulla strada. Un’evidente destrezza a favore di una facilità sentita. Deve ancora essere dotato dell’artiglieria appropriata. I puristi possono sempre deplorare l’escalation tecnologica che impedisce alla minima goccia di sudore di bordare. Ma il rigore tedesco ha ancora dettato le sue leggi e la costruzione della fiducia rimane il suo scopo principale. Resta da vedere come si comporteranno le varianti di trazione, dotate di molle tradizionali e motori meno incisivi. Non ti diremo di più e ti incontreremo il 30 marzo 2020 per il verdetto dei primi test della nuova A3.

 

Ci piace

  • Efficienza e facilità, in corso
  • Versatilità di questa versione “sportiva”
  • Rilevanza delle diverse impostazioni

 

Non ci piace

  • Temperamento molto germanico
  • Che dire delle versioni “classiche”?
  • Abbiamo un’idea, ma non possiamo dire nulla …

Lascia un commento